23 febbraio 2012

QUESTIONE diSEGNO a Bilbolbul 2012





















ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BOLOGNA

QUESTIONE(DI)SEGNO
SOLO IL VENTO
2 • 16 MARZO 
inaugurazione con gli autori: 
2 marzo • H 12

Attraverso una doppia esposizione, composta dalla collettiva QUESTIONE diSEGNO, e da SOLO IL VENTO di Peddes e Cortesi, riconferma la collaborazione tra l’Accademia di Belle Arti di Bologna e BilBOlbul. Le esposizioni allestite negli spazi dell’Accademia racchiudono progetti nati e sviluppati tra quelle mura, dall’incontro e dallo scambio tra giovani autori. Una panoramica che presenta le visioni personali di alcuni studenti e interessanti esperimenti di microeditoria a fumetti.

L’anteprima del fumetto SOLO IL VENTO - Una storia di guerra sulla Linea Gotica, che vedrà le stampe il prossimo settembre, mostra l'abilità di Gabriele Peddes e Simone Cortesi nello sviluppare un racconto scritto e disegnato a quattro mani, suddiviso in due linee temporali. Partendo da un soggetto di Virna Paolini, i due autori cercano di mostrare come la memoria di questi eventi vada preservata e rinnovata continuamente, anche attraverso il linguaggio del fumetto. Le tavole originali saranno contestualizzate attraverso l’esposizione di reperti storici del Museo della Guerra di Castel del Rio.

QUESTIONE diSEGNO presenterà l’opera del team Manticora, che si mette alla prova con il tema della "sindrome", intesa come disturbo psicofisico o come sconvolgimento di una situazione quotidiana, reale o immaginaria. La mostra dell'ultimo numero della rivista "Oppipolla", "pozzanghere d’inchiostro" è una consistente panoramica del lavoro dei membri di questo giovane e intraprendente gruppo; una raccolta di disegni istintivi, imprevisti e invadenti, come una macchia di china che si espande sul foglio.

In occasione di BilBOlbul 2012 l'Accademia di Belle Arti ha deciso di aprire le porte anche a progetti nati in altri ambienti didattici ospitando "Resina", fanzine autoprodotta nata all'interno della Scuola del Libro di Urbino, grazie anche all'aiuto del fumettista Alessandro Baronciani.

Nessun commento:

Posta un commento